martedì 21 settembre 2010

Assicurazione auto : cosa accade in caso di morte del proprietario?

Oggi parliamo di un'evento che puo' presentarsi nel corso della vigenza di una polizza assicurativa Rc auto.
Cosa accade se muore il proprietario del veicolo?

Ovviamente il proprietario è anche il soggetto titolare della polizza Rc auto. Nel caso di morte di un soggetto il codice civile ci insegna che si apre una successione nel patrimonio del de cuius(defunto) a favore degli eredi. La successione nei rapporti giuridici patrimoniali del de cuius ovviamente comprende anche l'auto assicurata.

Cosa succede però alla polizza assicurativa Rc auto stipulata dal defunto?

In tal caso bisogna dire innanzitutto che gli eredi hanno 6 mesi di tempo per effettuare la voltura a loro favore. La voltura a favore di tutti gli eredi è obbligatoria e quindi ciò comporta che il mezzo puo' risultare cointestato, il che dal punto di vista sia assicurativo che giuridico comporta non poche noie. Bisogna però anche ricordare che il mezzo potrà essere acquisito da uno solo degli eredi effettuando un ulteriore passaggio di proprietà! Il che equivale alla duplicazione del costo della voltura!

Comunque per quanto riguarda l'assicurazione la legge impone che, in caso di morte del proprietario del veicolo (intestatario della polizza),  gli eredi comunichino tempestivamente alla compagnia assicurativa l'evento morte pena la mancanza di copertura in caso di sinistro. Il contratto a sua volta puo' puoi essere estinto con restituzione del premio non goduto, oppure volturato al nuovo proprietario.

Il problema però è che la Legge Bersani non consente di trasferire la classe di merito del defunto all'erede, ragion per cui essa spesso si estingue.

Quid allora in tali casi? Bisogna distinguere :

1) se il veicolo è cointestato a tuttu gli eredi non conviventi la polizza partirà dalla classe di merito PEGGIORE posseduta da uno degli eredi.
2) se il veicolo è invece cointestato a eredi tutti conviventi si applicherà la legge Bersani con la possibilità di applicare alla polizza la MIGLIORE classe posseduta da uno di essi!
3) se il veicolo e intestato a uno solo degli eredi avremo che se egli è convivente si applicherà la legge Bersani con relivo beneficio, se non convivente partirà dalla classe di merito PEGGIORE (oppure UGUALE a quella posseduta da un altro soggetto con lui convivente).

Infine bisogna però ricordare che vi sono alcune compagnie assicurative che prevedono un apposita clausola nei loro contratti d'assicurazione Rc auto la quale trasferisce proprio la classe di merito del defunto al o ai successori! In tal caso si prescinde dalla legge Bersani e si applica tale disciplina di favor per l'assicurato.

101 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon giorno volevo fare una domanda devo comprare una moto e devo intestarla a mia cugina a cuneo con i documenti vecchi perché lei ha fatto il.cambio di residenza a napoli volevo sapere se al Pra se ne accorgono. Saluti salvatore

      Elimina
  2. Buongiorno,
    espongo un caso che interessa la famiglia di mia moglie. Mia suocera è deceduta lo scorso giugno, al momento della morte era intestataria di una vettura e contraente della polizza rc ad essa collegata. Ora questa assicurazione scadrà a metà ottobre ma al momento non è ancora stata aperta nessuna pratica di successione. Si può mandare disdetta all'attuale assicurazione e assicurarsi con una nuova compagnia senza cambiare per il momento l'intestatario al PRA (che dunque rimarrebbe mia suocera) mettendo come contraente mio suocero? Se questo non fosse possibile che strade rimarrebbero da percorrere fino a quando non sarà stata fatta la successione tenendo conto che l'assicurazione scadrà a breve?

    RispondiElimina
  3. caro lettore,
    innanzitutto la ringrazio per l'interesse manifestato per l'articolo.
    Cominciamo col dire che in base all'attuale normativa la disdetta non è più necessaria alla scadenza annuale del contratto, salvo che lei abbia scelto nella polizza la clausola del TACITO RINNOVO.In tal caso infatti è necessaria la disdetta altrimenti la polizza si rinnova automaticamente per un altro anno!
    Per questo se alla scadenza annuale del contatto lei intende cambiare compagnia puo' farlo benissimo.La sua attuale compagnia è obbligata a trasmetterle l'attestato di rischio 30 giorni prima della scadenza contrattuale. Con l'attestato di rischio va da un altra compagnia e stipula tranquillamente una nuova polizza!
    Per quanto concerne la questione dell'intestatario le posso dire che dal punto di vista legale è necessara la voltura al PRA perchè sua suocera è diceduta!(come si fa ad assicurare una persona che non esiste come soggetto guiridico?)!!
    Però le posso anche consigliare di mettersi d'accordo con il suo assicuratore di fiducia e rinnovare la polizza a nome del soggetto defunto senza necessità di passaggi di proprietà e quindi di altre spese! Se questa strada fosse percorribile allora risparmierebbe per il momento molte noie burocratiche ed usufruirebbe comunque del veicolo!MI creda:ce ne sono di persone che per risparmiare continuano ad intestare l'assicurazione al proprietario defunto!
    Se cio' non fosse possibile allora dovrà aspettare la successione. Nel qual caso non avrà problemi se l'auto la eredita lei:cio' perchè se ha un altra auto assicurata nel suo nucleo familiare,in base al decreto bersani,acquisirebbe la classe di merito corrispondente!
    Se volesse e potesse cambiare compagnia assicurativa FACCIA MOLTI PREVENTIVI ON LINE,per rendersi conto della più conveniente!

    Mi faccia sapere come si risolve la situazione.

    ...cordiali saluti

    RispondiElimina
  4. Abbiamo seguito alla lettera quello che ci impone la legge: per prima cosa doppia voltura (da mia suocera agli eredi e dagli eredi a mio suocero) per cambiare l'intestatrio al PRA (€ 400, uno scandalo...), di seguito abbiamo mandato disdetta all'attuale compagnia (era previsto il tacito rinnovo). Ora siamo pronti a stipulare una nuova polizza con un'altra compagnia (decisamente più a buon mercato della precedente...) usufruendo del decreto Bersani riusciamo ad entrare in 1 classe.

    Tutto bene quel che finisce bene insomma!

    Grazie per avermi chiarito alcuni aspetti di difficile interpretazione!

    RispondiElimina
  5. Prego! è sempre un piacere essere d'auito al pubblico dei lettori!!
    mi farebbe piacere anche se lei consigliasse il mio blog ai suoi conoscenti
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve io ho un problema ,cioè che circa un mese fa e deceduta mia nonna e aveva acquistato un auto logicamente sia auto che assicurazioni intestate a lei, ora ho fatto il passaggio di proprieta Dell auto ma l assicurazione e ancora intestata a lei visto che e ancora ha la copertura di quattro mesi ora posso circolare lo stesso o ce bisogno anche Dell assicurazione intestato al proprietario Dell auto.grazie mille e spero che mi schiarirete le idee

      Elimina
    2. Va benissimo

      Elimina
  6. Recentemente è deceduto mio padre, lasciando un'auto in eredità. Gli eredi siamo io e mia madre conviventi, mio fratello con altra residenza. Io ho già un auto di proprietà regolarmente assicurata in CU 2.Mia madre è priva di patente, mio fratello è assicurato in CU 4. Lasciando il veicolo cointestato e stipulando la polizza unicamente a mio nome,utilizzando la Legge Bersani, usufruisco della classe 2 come da mio primo veicolo, o della classe 4 di mio fratello?Grazie. Luca

    RispondiElimina
  7. il fatto è che se l'auto l'aveva intestata suo padre allora adesso è necessario effettuare la voltura agli eredi... il che comporta quindi dei costi....valuti bene la situazione perchè, se l'auto non le serve, le conviene venderla!
    altrimenti dovrà tenerla cointestata e stipulare un apposita polizza che costa qualcosina in più rispetto alla normale polizza!

    RispondiElimina
  8. salve ,sono Elisa mio padre è deceduto e la macchina era intestata unicamente a lui ,noi siamo tre fatelli due in america io soltanto qui, ho la patente ma ed una macchina cosa posso fare pagherò tanto????? fatemi sapere grazie tanto....

    RispondiElimina
  9. occorre effettuare il traferimento di proprietà a suo favore se vuole essere l'unica intestataria...
    pagherà una doppia voltura calcolando che la successione rispetto all'auto di suo padre coinvolge non solo lei ma anche i sui fratelli!

    RispondiElimina
  10. Salve. Facendo qualche ricerca sull'argomento,sono arrivato a questo forum.
    Mio padre è deceduto nel 2007,ma non è mai stato fatto il passaggio di proprietà della sua auto,visto che dopo la sua morte ci eravamo completamente annullati,e non sapevamo cosa fare.Adesso ci siamo finalmente decisi a farlo,ma non sappiamo a cosa andiamo incontro,visto che sono passati 3 anni dal decesso.
    C'è ancora modo di normalizzare la cosa?
    incorreremo a delle sanzioni?
    Se così dovesse essere,quali,e di che entità,saranno?
    Ringrazio INFINITAMENTE in anticipo.
    Saluti

    Michele V.

    RispondiElimina
  11. certo che potete dare il passaggio di proprietà!
    ovviamente ci saranno delle spese che riguardano la successione degli eredi... quindi se volete intestare l'auto a uno solo dei familiari ci sarà da fare un doppio passaggio di proprietà, come prescrive la legge : dal padre al coniuge e ai figli e da questi ultimi a chi vuole intestare l'auto!

    cordialità

    RispondiElimina
  12. Ciao a tutti..vi espongo il mio problema..
    mio padre e' deceduto nel 2008, la mia macchina era intestata a lui per via della classe di merito, lui aveva la prima.. quindi molto vantaggiosa.. abbiamo fatto il passaggio di proprietà, dopo la sua morte, intestando la macchina agli eredi, quindi io, sorella e mamma senza patente.. e la macchina e' tutt'ora cosi.. cmq la ns compagnia di assicurazione ci ha mantenuto la classe interna loro, come prima, mentre come classe di assegnazione, quella che si desume dall'attestato di rischio, 13, ovviamente si e' vincolati a loro per 13 anni prima di arrivare alla classe 1, che aveva il papà...- quindi vi chiedo ma e' corretto?? siccome facciamo tutti parte dello stesso nucleo famigliare non poteva lasciarmi la classe di merito del papà, quindi la prima.. ?? senza avere questo vincolo.. da panico.. ??

    grazie ancora.. attendo con ansia risposta.. Celeste

    RispondiElimina
  13. ciao celeste,
    in realtà non ho capito i termini del problema...
    tu dici che la compagnia con cui siete assicurati vi ha mantenuto la classe interna... ovviamente alla classe interna deve corrispondere una determinata classe CU... percio' mi sembra paradossale quello che dici, cioè hai mantenuto la classe di merito elevata di tuo padre "interna"
    ma sull'attestato sei invece in classe 13: cosa a dir poco sorpendente...
    vedi meglio e fammi sapere dandomi ulteriori ragguagli in merito.
    ciao

    RispondiElimina
  14. grazie matrix, per avermi risposto..
    cmq e' proprio cosi.. nell'attestato di rischio, ho la classe di assegnazione 1e, mentre quella CU, 12.. uff uff ,... che posso fare?? e' corretto?? grazie ancora..
    celeste

    RispondiElimina
  15. è una situazione paradossale ed altresì anomala...
    forse è stato commesso un errore... vedi bene!

    RispondiElimina
  16. Eh Matrix magari fosse un errore, invece é proprio così .
    Come si sarebbe dovuta comportare la mia assicuratrice alla morte del Papá e dopo il passaggio di proprietà agli eredi ???
    Grazie Matrix .

    RispondiElimina
  17. avrebbe dovuto darti maggiori informazioni e occuparsi della tua polizza in modo da risolvere il problema!

    RispondiElimina
  18. buongiorno, la ringrazio anticipatamente per la risposta che potrà chiarirmi diversi dubbi sulla mia compagnia assicurativa… a settembre 2009 mio padre viene a mancare, era intestario di un auto assicurata sai in classe 1a, per successione l’auto viene intestata agli eredi (me e mia mamma)a metà dicembre 2009,a gennaio 2010 scade l’annualità della polizza quindi viene sostituito il contraente e il proprietario con il mio nome (figlia). il nome di mia mamma sulla polizza non vinee riportato. quest’auto viene venduta a 10 maggio 2010. a fine maggio 2010 acquisto un’auto usata a mio nome e l’agenzia sosituisce sulla polizza il vecchio veicolo venduto con il nuovo acquisto. all’arrivo dell’attestato di rischio io risulto in prima classe esterna ed interna alla sai, mi viene ritirato l’attestato dall’agente che mi comunica che è errato e lo avrebbe fatto cambiare. a gennaio 2011 ho la scadenza dell’annualità del nuovo acquisto e internamente mi ritrovo in classe prima ma esternamente in 13 esima. quindi mi comunicano che se volessi cambiare compagnia partirei dalla 13 esima classe. la siuazione è poco chiara. non rientro nella legge bersani? il vecchio veicolo prima di venderlo è stato volturato a me e mia madre ad oggi tutt’ora conviventi. mia madre non aveva veicoli intestati/assicurati prima della morte di mio papà. io ero intestatria di un’altra auto in classe 14 esima (stessa compagnia) polizza chiusa con la vendita dell’auto. a fine maggio 2010

    RispondiElimina
  19. è strano infatti ...se leggi il commento precedente ho già risposto ad una simile questione...
    anch'io sono presso la sua stessa compagnia...non appena avro tempo, contatterò il mio agente e le farò sapere qualche ulteriore detttaglio!
    nel frattempo non disperi... ci sono sempre altre compagnie per pagare di meno... ha provato con quelle online o le telefoniche?

    cordialià

    RispondiElimina
  20. Buongiorno, vorrei esporre un mio problema, sperando di ottenere un'utile risposta. A febbraio purtroppo ho perduto mia madre, che era titolare di una autovettura e di relativa polizza RC Auto. Parlando con un'agenzia di pratiche auto, mi è stato detto che entro 60 giorni dal decesso, è d'obbligo (benchè non vi siano controlli in merito, salvo un eventuale posto di blocco delle forze dell'ordine) effettuare il passaggio di proprietà a favore di tutti gli eredi (siamo tre figli più mio padre), così la macchina sarebbe intestata a tutti e quattro. Eventualmente in un secondo tempo, si potrà effettuare un secondo passaggio di proprietà a mio favore (poichè sarò l'unico utilizzatore dell'auto), cosa che vorrei evitare, visti i costi, e lasciare la macchina cointestata. Ora, per la polizza RC, vorrei dare disdetta alla copagnia di mia madre (piuttosto costosa) e trasferirla alla mia compagnia. Per fare questo, posso sperare di ottenere la mia classe, che è molto buona, oppure la compagnia si informerà delle classi degli altri intestatari ed applicherà la classe "peggiore" di noi quattro eredi ?
    Ringrazio anticipatamente dell'attenzione, e della cortese risposta.

    RispondiElimina
  21. Una volta cointestata l'auto ai coeredi puoi tranquillamente stipulare l'assicurazione con un'altra compagnia...
    di solito l'assicurazione cointestata però è più costosa nonostante si possa mantenere la stessa classe di merito..cio' in quanto aumenta il rischio!

    saluti!

    RispondiElimina
  22. Buongiorno, sono capitato su questo blog perchè mi trovo nella stessa situazione. Un mese fa è venuto a mancare mio suocero, che era proprietario dell'unica auto di famiglia e intestatario della polizza assicurativa (che scadrà tra circa un mese). L'auto andrebbe ora in eredità a mia suocera e a mia moglie, che vorrebbe intestarla a sè.
    Io e mia moglie abbiamo già un auto, intestata a me e assicurata in classe 1. Il dubbio è: cosa fare, volturare la polizza di mio suocero (che era in classe 1) a mia moglie? In questo caso potrebbe usufruire della Bersani?
    Oppure aspettare che scada la polizza e stipularne una nuova avvalendosi della legge Bersani?
    Grazie mille in anticipo per la cortese risposta

    RispondiElimina
  23. eleonora
    salve, mio suocero è morto circa 2 anni fà la macchina così come la polizza sono rimaste intestate a lui. lo scorso mese mentre ero alla guida di detta auto ho avuto un incidente, un'auto non si è fermata allo stop, ora il conducente dell'altra autovettura non ha voluto sottoscrivere il cid. il fatto che la macchina e la polizza sono intestati a persona deceduta può causarmi problemi per il risarcimento. vi ringranzio ed attendo consiglio

    RispondiElimina
  24. non dovrebbe causarti alcun pregiudizio in ordine al risarcimento del danno...
    la mancata voltura a seguito di persona deceduta potrebbe, al limite, comportare sanzioni di tipo amministrativo

    saluti

    RispondiElimina
  25. caro matrix ciao ho un problema 4 anni fa e venuto a mancare mio cognato lui aveva una macchina bmw 320 adesso vorrebbe prenderla mio marito siamo andati a vedere ma bisogna fare 2 passaggi di prorietà ma e assurda la cosa ma e vero?ma con l'assicurazione coe dobbiamo fare ?ma la possono tenere tutti e 4 gli eredi ?ma dopo chi se la deve intestare l' assicurazione? grazie a presto

    RispondiElimina
  26. se l'auto resta assicurata agli eredi l'assicurazione in genere diventa più costosa perchè aumenta il rischio ...
    vi conviene intestare l'auto ad una sola persona...facendo i due passaggi

    saluti

    RispondiElimina
  27. Otto anni fa è morto mio suocero,deteneva un'autovettura a suo nome. Gli eredi non hanno provveduto alla voltura e quindi nessun passaggio di proprietà.Mi domando: dopo tutto questo tempo trascorso cosa mi conviene fare.

    RispondiElimina
  28. Buongiorno,sono Susanna ed ho un grosso problema.Il mio compagno-convivente è venuto a mancare lo scorso Aprile ed ha lasciato un'autovettura intestata a lui.Lui non ha eredi legittimi...mi hanno detto che posso fare due cose:o la rottamazione oppure l'autovettura andrà alla Stato...dicono che è una nuova legge!A me sembra ridicolo,sai se è vero?

    RispondiElimina
  29. ciao susanna,
    se il tuo compagno non ha figli nè coniuge l'eredità, e quindi nel caso di specie l'auto, spetta ai genitori e ai fratelli e sorelle, in mancanza di questi ai parenti fino al quinto grado, e solo in assenza di essi allo stato.
    penso che sia alquanto improbabile che non ci siano eredi!

    saluti.

    RispondiElimina
  30. risposta alla domanda del 23/05/2011

    devi procedere a fare la voltura al PRA.
    ma dopo otto anni l'assicurazione non ti ha mai fatto problemi???

    cordialità

    RispondiElimina
  31. Buonasera,
    mio padre purtroppo è venuto a mancare la scorsa settimana.

    Era intestatario di un veicolo e della relativa assicurazione.

    Mia madre, mia sorella (sposata) ed io (sposato), siamo gli eredi.

    Ora vorremmo regalare l'auto a mia sorella.

    E' possibile evitare il doppio passaggio di proprietà ?
    Quali sono i costi ?
    Cosa bisogna fare per disdire l'assicurazione ?

    Vi ringrazio in anticipo per le risposte che potrete fornirmi.

    RispondiElimina
  32. non è possibile ereditare la doppia voltura...
    perchè siete entrambe eredi assieme a vostra madre...
    per l'assicurazione poi, non è più necessaria la disdetta...il contratto ha un termine annuale...
    a meno che non abbia tu attivato la formula del tacito rinnovo

    saluti

    RispondiElimina
  33. salve.mio padre era intestatario di un motorino che alla sua morte abbiamo intestato a mia sorella.nonostante la stessa fosse con lui convivente più assicurazioni negano la possibilità per mia sorella di ereditare la sua classe di merito:per alcune l'unica possibilità è che lo reintestiamo a mia madre(quindi dobbiamo in pratica sborsare altre 150 euro per un altro passaggio di proprietà)per altre nn sarebbe possibile neanche questo perchè i miei genitori erano in regime di separazione dei beni....ma è mai possibile???prima pagavamo un premio di circa 380 euro l'anno ma l'assicurazione in questione l'unica proposta che ci ha fatto è di far ripartire mia sorella dalla 14 classe...cioè pagare 1050 euro....Un'altra assicurazione ci ha fatto 2 proposte:1)lasciare mia sorella propietaria e pagare 740 euro oppure reintestare il motorino a mia madre(150 di passaggio)più 540 l'anno...ma è lecito?????

    RispondiElimina
  34. purtroppo è così!
    mi spiace

    RispondiElimina
  35. Ciao, ti ringrazio anticipatamente per l'attenzione! Mio padre è venuto a mancare da poco più di un mese, e io, mia madre e miei fratelli ci stiamo muovendo per passaggi di proprietà e volture. Il mio problema però è questo; la macchina viene regolarmente utilizzata, io ho avvisato oralmente la compagnia assicurativa del decesso di mio padre, ma non posso cambiare il contratto assicurativo fino a che non c'è il passaggio di proprietà. Mi chiedo però cosa succederebbe in caso di sinistro stradale in cui la responsabilità fosse mia...essendo il contratto attualmente in vigore quello stipulato da mio padre, la compagnia assicurativa coprirebbe i danni da me causati oppure no? Grazie mille...

    RispondiElimina
  36. salve, certo che che coprirebbe i danni :
    1) perchè il premio è stato pagato
    2) perchè gli eredi succedono nel contratto di assicurazione, almeno finchè dura il contratto in corso

    la saluto e la ringrazio per l'attenzione al mio blog

    RispondiElimina
  37. Da pochi giorni mio padre e' venuto a mancare. Predetto risulta tuttora intestatario di unica auto con relativa polizza, cui premio viene pagato con scadenza semestrale e la cui annualità avra' scadenza il prossimo luglio 2012. Sono a conoscenza che per la voltura agli eredi(nel mio caso siamo 6 figli con madre anch'essa deceduta anticipatamente), abbiamo tempo 6 mesi dalla data del decesso del defunto padre. Il problema che principalmente desidero analizzare e' quello relativo all'assicurazione. Nello specifico, l'auto puo' circolare regolarmente anche senza eseguire la voltura agli eredi per almeno 6 mesi dalla data del decesso del proprietario, termine ultimo per eseguire la voltura? caso positivo qualora e indipendentemente da chi si trovi alla guida (es. un nipote del defunto) e prima che la voltura agli eredi venga eseguita, se il mezzo rimanga coinvolto in un sinistro stradale con colpa, la compagnia assicurativa coprirebbe il danno causato? Successivamente desidero sapere se dopo aver fatto la voltura dell'auto agli eredi e' possibile che il mezzo sia esclusivamente a me intestato, tenuto conto pero' che la scrivente e' priva di alcuna polizza assicurativa e desiderosa di essere resa edotta se puo' acquisire tramite legge Bersani, la classe di merito del defunto padre, tenuto conto che a differenza degli altri eredi era l'unica ad essere convivente sullo stato di famiglia del padre defunto. Per completezza d'informazione si specifica che in caso positivo, l'acquisizione della stessa classe di merito dal defunto padre, verrebbe utilizzata per assicurare lo stesso mezzo in precedenza assicurato dal padre. E' possibile cio? caso contrario desidero essere informata su quella che sia secondo normativa di legge, la soluzione migliore Si ringrazia anticipatamente.

    RispondiElimina
  38. l'auto può regolarmente circolare nonstante il decesso dell'assicurato almeno fino alla scadenza del contratto il cui premio risulta già pagato.
    per quanto riguarda la copertura in caso di sinistro, bisogna vedere le clausole contrattuali... cioè se ad esempio nel contratto ha inserito la guida esclusiva, in caso di sinistro l'assicurazione si rivale sull'assicutato se alla guida c'è un soggetto diverso da esso, e quindi, nel caso di specie, cugli eredi...
    quindi potrà regolamente circolare fino alla scadenza del contratto...
    circa la questione della possibilità di usufruire della legge bersani, non penso sia possibile, dato che dalla interpretazione letterale della relativa norma di legge si evince che deve sussistere un familiare "con-vivente", ragion per cui se il suo papà è deceduto non può più considerarsi tale!

    continui a seguire il blog mi raccomando e diffonda la notizia della sua esistenza e degli argomenti trattati anche ai suoi amici!!!

    saluti

    RispondiElimina
  39. Ciao Matrix, mio suocero è morto da quasi 2 anni e mia moglie sta facendo il passaggio di proprietà di una panda 2^ serie a benzina di 1200 cc a nome suo e di sua madre (unici eredi). Io sono assicurato con la linear e quando faccio un preventivo con la legge Bersani mi da una cifra di oltre 600 euro mentre con la fiesta 1400 diesel pago 410 euro circa l'anno. Io sono in prima classe da diversi anni e ho 40 anni. E' normale?
    Grazie e complimenti per il blog.

    RispondiElimina
  40. guardi che assicurandosi con la legge bersani si acquisisce si la classe di merito dell'altra auto assicurata, ma si tratta pur sempre di una classe non meritata, quindi si paga qualcosa in più rispetto alla stessa classe di merito ma acquisita con il tempo...
    spero di esserle staro utile.

    la saluto

    RispondiElimina
  41. Salve, da poco più di una settimana è morto mio zio in un incidente stradale in cui è andata distrutta la sua auto. L'auto verrà demolita, per avere il rimborso del premio non goduto è necessario il passaggio di proprietà agli eredi?
    Grazie

    RispondiElimina
  42. salve, mio padre è venuto a mancare da circa 2 mesi, era proprietario di un auto,ora gli unici eredi siao io,mia madre e mia sorella(già proprietaria di una sua auto).io pur avendo la patente non ho mai posseduto una macchina intestata a me.Ora mia madre e mia sorella vogliono intestare a me la macchina di papà.é necessario effettuare il doppio passaggio anche se si tratta di una donazione?Potrei usufruire della 1 classe di merito come papà? In attesa di una sua risposta la ringrazio e porgo cordiali saluti

    RispondiElimina
  43. salve,
    dovrà fare il doppio passaggio di proprietà dato che c'è una successione mortis causa e quindi dell'auto siete adesso comproprietari lei, sua madre e sua sorella.

    la saluto

    RispondiElimina
  44. Salve, vorrei un chiarimento a quanto indicato da assic on line (scad genn 12). Ho comunicato alla loro assistenza telefonica che intendevo estinguere l'assicurazione per decesso del proprietario dell'auto (mio figlio) ma mi dicono che devo fare prima il passaggio di proprietà. Poichè non so ancora cosa ne faremo dell'auto (eredi: sorella del deceduto e genitori)chiedo: non è possibile estinguere questa assicurazione e volturare al Pra per successione o vendita in seguito e in quel momento fare una nuova assicurazione (non intendiamo proseguire rapporti con questa agenzia)? Grazie di tutto, Davide

    RispondiElimina
  45. Caro Davide,
    certo che puoi cambiare campagnia! Effettua le pratiche di voltura al P.R.A. e dopo con l'attestato di rischio valido cerca un altra agenzia dove ti conviene assicurarti.
    Per confrontare le divrese compagnie e i prezzi offerti, puoi farlo direttamante online: esistono infatti dei siti appositi dove addirittura, una volta inseriti i dati per il preventivo, effettuano fino a 18 preventivi con 18 compagnie diverse! Nei miei post ci dovrebbero essere al riguardo molte informazioni utili.

    saluti

    RispondiElimina
  46. salve, e' deceduto mio padre da poco e ho ereditato la macchina io in quanto mia sorella e mia madre rinunciano perche' abbiamo altre auto in famiglia e la macchina di mio padre rimane a me come da accordi in famiglia. dovendo continuare il rapporto assicurativo che scade a giugno e io ho 25 anni e pagherei un po' di piu' che diritti e doveri ho ? cosa mi conviene fare? e per l'auto serve fare un passaggio o basta il cambio di intestazione???

    RispondiElimina
  47. salve,
    se guarda bene nei commenti precedenti troverà esauriente risposta ad un quesito al quale ho già dato più volte risposta

    la saluto e le auguro buone feste!

    RispondiElimina
  48. quali rischi corro a guidare un'auto intestata a mio zio defunto e di conseguenza anche l'assicurazione? premettendo che l'auto l'ha ereditata mia madre. grazie in anticipo

    RispondiElimina
  49. gentile lettore,

    lei sta facendo una bella domanda oltre che attuale.
    Le rispondo subito dicendo che dal punto di vista amministativo nel caso in cui circoli con veicolo intestato a persona deceduta gli organi accertatori le possono elevare una contravvenzione di circa 600 euro per non aver aggiornato la carta di circolazione ed non aver effettuato la voltura al P.r.a. Quindi lei, dal punto di vista delle norme giuridiche attualmente vigenti, non può circolare così! La invito pertanto a dare uno sguardo a questo articolo sul quale tempo addietro ho avuto modo di discutere parecchio in altra sede:
    http://www.nove.firenze.it/vediarticolo.asp?id=b0.01.24.20.03

    Per quel che ricguarda la copertura assicurativa occorre fare una distinzione. Nel caso in cui il il premio sia stato pagato dal defunto l'auto può circolare in via temporanea, ovvero finchè l'interessato (erede, o altri) non abbia provveduto alla voltura al Pra. Si ricordi che il termine previsto dalla legge per la voltura a seguito di morte dell'inestatario del veicolo è di 60 giorni. Decorso tale termine l'auto l'auto non può più circolare ma nel caso in cui circolasse fino a che il il contratto non sia scaduto l'auto risulta coperta da assicurazione Rca, ragion per cui l'assicurazione dovrebbe pagare i danni in caso di sinistro. Decorso il termine contrattuale è ovvio che non si può più essere coperti dall'assicurazione: una persona che non esiste può essere centro di imputazione di interessi: NO!
    Tra l'altro, si avrebbe l'obbligo di comunicare entro un determianto termine alla compagnia assicurativa che il contraente è deceduto.

    Cordialità.

    RispondiElimina
  50. Ciao avrei "URGENTE" bisogno del vostro aiuto non ne so uscire chi ne dice una chi un'altra; mio padre è deceduto a settembre e a dicembre è scaduta la polizza e non rinnovata anche xkè vi era applicato lo sconto forze armate in più in altra provincia ,e dato che mio fratello non era piu' in famiglia lo sconto F.A. è stato tolto.Ora chiedo a voi, i miei fratelli cedono a me il bene mobile, quindi unico erede, faccio il passaggio di proprietà a mio nome ma come faccio ad ereditare anche la polizza madre (prima classe)?
    gra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se lei è nello stesso nucleo familiare di sua madre potrà acquistare la sua classe di merito tramile la Legge Bersani del 2007

      saluti

      Elimina
  51. Salve,
    mio padre è deceduto lo scorso ottobre ed erano intestati a lui due mezzi, un'auto e uno scooter, entrambi ora utilizzati da me.
    All'auto è già stato fatto il passaggio di proprietà agli eredi (me, mia madre, mia sorella) allo scooter lo faremo presto.
    Mia sorella però, ha da poco cambiato residenza, quindi non siamo più tutti conviventi, leggendo i primi due punti ciò significa quindi che mantenendo l'auto cointestata non potrò sfruttare la legge Bersani a nostro favore ottenendo la classe migliore (quella di mia madre) ma la peggiore (la mia)?
    E quindi l'unico modo per ottenere la classe migliore sarebbe intestare (e quindi altre spese) l'auto solo a mia madre o a me (che convivo con lei) ottenendo la sua classe?

    La questione scooter, poi, è ancora più delicata in quanto è l'unica moto assicurata, quindi nè mia madre, nè mia sorella, nè tanto meno io abbiamo classi di rischio associate (immagino siano differenti quelle auto e moto) e quindi penso non possiamo sfruttare la legge Bersani. E' così?
    Non c'è nessun modo per ottenere la classe di mio padre? Devo partire per forza dalla più alta? Equivarrebbe a triplicare il prezzo!

    Ringrazio infinitamente in anticipo.

    RispondiElimina
  52. salve,
    le rispondo subito dicendo che per usufruire del decreto Bersani, ovvero per acquisire la classe di merito del familiare già assicurato, occorre che il familiare stesso sia nello stesso nucleo familiare. Se ad esempio lei volesse acquisire la classe di merito di sua sorella, che ha assicurato la sua auto già da tempo, non potrà farlo se ella risiede altrove e non nello stesso nucleo familiare.

    In relazione alla questione dello scooter non potrà fare gran che dato che la legge Bersani, circa il punto dell'acquisizione della classe di merito da familiari conviventi, si riferisce a beni omogenei, ovvero la classe si acquisisce da auto ad auto e da moto a moto.

    a breve ci saranno altre importantissime novità in materia di assicurazioni sul blog, continui a leggerlo!

    la saluto.

    RispondiElimina
  53. Ho letto con interesse la sua rubrica e vorrei porle il mio caso.
    Il Proprietario della vettura è deceduto ed è stato fatto all' ACI il passaggio di propietà (moglie convivente e figlio con suo nucleo famigliare) al momento di assicurare l'auto mi è stato detto che dovevo intestare il veicolo ad una sola persona ( moglie per poter godere della stessa classe di merito o figlio e godere della classe di merito del figlio) altrimenti si apre un'assicurazione nuova che parte dalla classe 14° con dei prezzi inaccessibili.
    E' possibile ??
    Tornare all'ACI e rifare un passaggio di propietà???
    mi sembra assurdo

    RispondiElimina
  54. buongiorno,ho acquistato un'auto sfruttando la legge 104 della quale è titolare mia nonna. vorrei sapere come tutelarmi in caso di decesso dell'anziana considerando che il fiannziamento è a nome mio e che per 6 anni devo pagare le rate. preciso che oltre a me ci sono altri 4 eredi con i quali non ho da anni rapporti. grazie

    RispondiElimina
  55. salve,
    il miglior modo per tutelarsi è quello di fare il trasferimento di proprietà...

    saluti

    RispondiElimina
  56. rispondo all'altro lettore:

    credo che il suo assicuratore l'abbia consigliata bene...
    meglio intestare l'auto ad una sola persona...

    cordialità

    RispondiElimina
  57. Buonasera,vorrei sapere cosa prevede la legge quando il proprietario della vettura è deceduto e l'erede non ha legami di parentela.SI deve effettuare passaggio di proprietà e lasciare scadere la polizza o basta presentare certificato di morte per chiudere il tutto? L'auto può essere venduta o rottamata (nel caso fosse un auto vecchia)? Mi scuso per le molteplici domande, ma ignoro la prassi. Grazie.Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli eredi devono effettuare una doppia voltura: dal de cuius agli eredi in proporzione delle relative quote ereditarie, e dagli eredi al nuovo proprietario! Se l'auto non viene venduta e l'erede è uno soltanto basterà la voltura all'unico erede!
      Per l'assicurazione per chiudere il tutto occorre presentare dall'erede il certificato di morte. Successivamente, nel caso di premio di polizza non interamente goduto, l'assicurazione rimborserà gli eredi della parte di premio che non è stato goduto.

      saluti

      Elimina
    2. l'auto comunque può essere venduta o anche rottamata... c'è un articolo in merito che può esserle d'aiuto

      saluti

      Elimina
  58. Ciao a tutti e complimenti a Matrix per il blog.
    Desidererei chiederle, avevo una macchina intestata a mia nonna purtroppo deceduta e a lei intestata anche l'assicurazione. Per il passaggio di proprietà ho risolto con il doppio pagamento. Per la polizza assicurativa, invece l'agente assicuratore mi ha detto che c'è bisogno del certificato di morte, della delega di mia zia a mia mamma (uniche eredi) per il ritiro del premio assicurativo rimanente non fruito e che mia mamma è l'unica autorizzata in quanto erede al ritiro dell'assegno della vecchia polizza. Per la nuova assicurazione invece ricominciare come una nuova e solita assicurazione. Come posso fare visto che lei era nel nostro stesso nucleo familiare e che per me, nuovo intestatario andrebbe bene la semplice voltura assicurativa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo assicuratore le ha delineato la normale procedura per il ritiro del premio non fruito.
      Per la nuova polizza, se vuole usufruire dellla legge bersani, deve risiedere nel nucleo familiare con un'assicurato di altra auto: in tal modo erediterà la sua classe di merito. Ma attenzione: lei ereditando la classe di merito del convivente non pagherà quanto il convivente stesso, a parità di condizioni. Essendo un classe di meito ereditata e non "Meritata" pagherà qualcosa in più rispetto a ciò che avrebbe dovuto pagare se la classe fosse stata acquisita con gli anni!

      cordialità

      Elimina
  59. salve, mio padre proprietario di un'auto è deceduto a gennaio, abbiamo fatto il doppio passaggio di proprietà: verso gli eredi:mia madre io e mia sorella e poi a me perché così volevano loro. Mi sono resa purtroppo conto di aver fatto una grandissima cavolata perché non essendo nello stesso nucleo familiare e non avendo la residenza di mio padre, adesso per quanto riguarda l'assicurazione che mi và in classe 14 e sono cifre non accessibili. La domanda è questa: possiamo fare un nuovo passaggio verso mia madre che otterrebbe come convivente e in comunione dei beni la classe 1 che aveva mio padre? L'assicurazione mi ha detto che mi rispondono a breve ma che forse non si può perchè doveva essere passaggio diretto da eredi a mia madre. è vero? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è così... ma forse si può rimediare..
      mi dia altre informazioni in merito cosìcchè potrò consigliarla al meglio sulla sua situazione

      salve

      Elimina
  60. Salve matrix, abbiamo un'autovettura intestata a mio padre deceduto nel 2010, da allora non è stato fatto il doppio passaggio di proprietà pertanto rimane lui il proprietario.
    Ora stiamo per provvedere ad effettuare il passaggio agli eredi e poi ad uno singolo, il dubbio riguarda la polizza rca (anch'essa intestata a mio padre).
    Tutti gli eredi sono conviventi e mia madre era in comunione dei beni, cosa è consigliabile fare? La legge Bersani avrà effetto in questo caso? Il contraente delle polizza deve essere necessariamente il proprietario del veicolo oppure si può intestare l'auto a mia madre e la polizza a me partendo dalla classe in cui era mio padre?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve,
      diciamo che se si ne parla con in suo assicuratore è probabile che riuscirà a trovare una soluzione adeguata...
      a volte l'assicuratore dev'essere anche un po' elastico.
      Le consoglio in ogni caso di effettuare la doppia voltura al più presto.
      Il contraente della polizza non necessariamente dev'essere il proprietario: le soluzioni possibili quando ci si assicura sono varie, specie per spendere di meno.
      Di dov'è lei? Se abita al nord non dovrebbe avere grossi problemi per assicurarsi, specie in relazione ai costi! Le consiglio di fare numerosi preventivi on line per valutare con quale compagnia stipulare la polizza. E' possibile effettuare anche fino a 20 preventivi in una sola volta inserendo i dati richiesti per il calcolo un'unica volta!
      in ogni caso resti sintonizzato , a breve ci saranno novità interessanti!

      saluti

      Elimina
    2. Salve matrix, abbiamo effettuato il doppio passaggio (1100 euro in tot).
      Ora si sta pensando a trovare una compagnia di assicurazione che abbia costi ragionevoli e che permetta di avere come contraente un soggetto diverso dal proprietario dell'auto.
      La precedente compagnia non lo permette perciò la molleremo a breve, viviamo al SUD e qui molti fanno i volponi.
      Grazie

      Elimina
    3. spero di esserle stato d'aiuto!
      per risolvere il poblema relativo alla scelta di una compagnia assicurativa a costi accessibili, provile compagnie online: di solito offrono prezzi più competitivi...
      in ogni caso se mi manda la sua email le scrivo in privato così vediamo se,in base ad altri dati, possiamo trovare la soluzione più adeguata al suo caso

      p.s.: continui a sguire il blog!

      saluti

      Elimina
  61. Salve! Mio papà è deceduto purtroppo il 04 giugno 2012. Volevo chiederLe i termini per effettuare la voltura dell' auto a Lui intestata, dove viene fatta e i relativi costi, sapendo che tutti noi figli faremo la rinuncia alla eredità per lasciare tutto a nome di mia madre. La ringrzio in anticipo e complimenti per questo preziosissimo blog, michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve,
      non ci sono termini per effettuare il trasferimento di proprietà dell'auto...
      i costi si aggirano intorno ai 400 euro ... ma la spesa è variabile
      per la voltura può recarsi presso un'agenzia che si occupa di pratiche automobilistiche oppure all'aci(in tal caso spenderebbe di meno)
      continui a seguirci.. abreve ci saranno novità sul tema i questione!

      la saluto

      Elimina
  62. Buonasera,
    le faccio i complimenti per il blog molto utile. Mio padre è deceduto il 1 giugno. Avevo capito di avere solo 60 gg disponibili per fare il passaggio di proprietà della sua auto e pensavo di doverla per forza cointestare a me e mia madre che siamo le uniche eredi..quindi oggi al pra abbiamo fatto il passaggio spendendo 368 euro...ora però all'assicurazione (l'auto era assicurata a mio padre)mi dicono che devo fare un'altro passaggio di proprietà perchè cointestata nn la possono assicurare. E' vero?Anche se mia madre non ha la patente? E se devo fare un altro passaggio mi costerà altrettanto? anche se vado subito? ultima domanda: mi consiglia di intestarla a mia madre che potrebbe avere la classe di merito di mio padre (1) o siccome la guido io conviene che la intesti a me e prenda la classe di mio marito ( 4 A ).
    Grazie
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve,
      in realtà in linea generale le posso dire che l'auto può essere assicurata anche se cointestata: un esempio concreto è mio fratello che ha l'auto in comproprietà con mio padre!
      Se non riesce a trovare soluzione al problema, e se l'auto vale più dei soldi di due passaggi di proprietà,allora le conviene fare un altro passaggio!

      In relazione alla classe di merito, non so risponderla così su due piedi perchè mi pare che lei sta parlando di due classi di merito diverse: 1 e 4A...
      Occorre vedere la classe CU Universale! E' possibile che la la 4A, come dice lei, sia una classe interna propria della compagnia assicurativa!

      saluti

      Elimina
  63. Gentile Matrix, Le vorrei chiedere un consulto. Mio zio è deceduto circa un mese fa; mia zia (unica erede) vorrebbe usufruire dell'auto intestata allo zio.
    1_Cosa deve fare per il passaggio di proprietà? Quali sono i tempi da rispettare?
    2_Come deve comportarsi con l'assicurazione che non intende "transferire" la classe di merito di mio zio? Esiste una legge che possa esserte portata a supporto del trasferimento?

    Grazie Daniele

    RispondiElimina
  64. gentile lettore,

    le rispondo subito alle sue domande:

    1_Cosa deve fare per il passaggio di proprietà? Quali sono i tempi da rispettare?
    Sua zia deve effettuare il passaggio di proprietà a suo nome se unica erede ed il gioco è fatto! nulla più!

    2_Come deve comportarsi con l'assicurazione che non intende "transferire" la classe di merito di mio zio? Esiste una legge che possa esserte portata a supporto del trasferimento?

    In tali casi non potrebbe acquisire la classe di merito del "de cuius". Provi a mettersi d'accordo con il suo assicuratore , vedrà che riuscirà ad accontentarla!

    cordialità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Matrix, mio padre e'recentemente mancato. Conviveva con mia madre e io sono unico figlio con mia famiglia. La sua polizza auto scade il 2 ottobre e abbiamo appena ricevuto raccomandata conc uio l'assicuraizone recede in base all'art 132. Le chiedo quali sono i passi che devo fare, e La prego di chiarimi se la successione nell'intestazione della macchina (prima cointestazione e poi singolo) sia atto da fare insieme alla dichiarazione di successione o invece sia una cosa separata . Grazie

      Elimina
  65. salve,

    le consiglio di effettuare la doppia voltura al momento della successione, così da evitare di perdere poi altro tempo, in modo che il notaio la seguirà anche circa la situazione dell'auto

    saluti

    RispondiElimina
  66. Buongiorno,
    Vorrei porvi il seguente quesito.Mia sorella è deceduta lasciando un'auto a lei intestata,senza tacito rinnovo,e la seconda rata semestrale da pagare il 22 settembre.Unico erede è il figlio,che possedendo già un'auto vuole vendere quella della madre.Il problema è che l'assicurazione per poter annullare la 2nda rata semestrale chiede,oltre al contrassegno,carta verde e attestato di morte,anche atto notorio e iscrizione al pra degli eredi.Ciò è illogico,perchè limite max iscrizione eredi al pra est di mesi 6,poi cosa interessa all'assicurazione una volta che consegnando contrassegno,attestato di morte declino ogni loro responsabilità?Vogliono solo fare cassa riscuotendo altri sei mesi?Grazie per la gentile risposta.

    RispondiElimina
  67. salve,
    mi perdoni se la rispondo solo ora, ma purtroppo i miei impegni di lavoro in questo periodo non mi permettono di essere presente.
    Non ho ben compreso l'ultima parte del suo commento in relazione all'atto nototio e al declino di responsabilità(chi è che declina?)...
    comunque sia, una volta fatta la voltura all'erede non ci deovrebbero essere più problemi... stia tranquillo!

    Saluti.

    RispondiElimina
  68. Salve!La mia situazione é alquanto complicata: mi madre é deceduta alla fine di maggio, lasciandoci la sua vecchia auto.Io e mio fratello viviamo all'estero e nostro padre non é in condizioni di guidare, quindi abbiamo pensato di vendere l'auto. Ma sinceramente della burocrazia relativa non ci ho capito davvero niente! Dobbiamo fare la voltura agli eredi (io mio fratello e mio padre) o possiamo venderla direttamente? Quali sono i passi meno dispendiosi considerando che si tratta di un'auto di 15 anni? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dovete fare la voltura agli eredi e poi venderla.
      Mi contatti in privato per ilteriori informazioni. mi spiace risponderle solo adesso.
      Dimenticavo: complimenti lei è molto bella!

      La saluto cordialmente

      Elimina
  69. salve, le consiglio di farsi assistere dal notaio che le sta curando la successione...
    per altre info legga con attenzione l'articolo ed i relativi commenti.. ne abbiamo parlato più volte

    cordialità

    RispondiElimina
  70. Gentilissimo,
    La mia compagna ha perso il padre nel 2002 e non ha fatto né passaggio di proprietà né voltura assicurativa. Le chiedevo se è possibile fare tutto ad oggi considerando che gli eredi sono la madre, la sorella e lei. L'uso che fa la mia compagna dell'auto vettura è giornaliero per cui volevo sapere se c'è un'adeguata copertura in caso di sinistro. Grazie anticipatamente.

    RispondiElimina
  71. salve,
    certo che può fare tutto ad oggi.. anzi, per regola, lo "deve" fare!
    per quanto riguarda la corpertura rca , in caso di incidente se il premio è stato pagato non credo ci siano problemi..

    cordialmente

    RispondiElimina
  72. mio padre è morto a marzo la sua macchina era intestata a lui e anche l'assicurazione (classe di merito 3)ed era in comunione di beni con mia madre e lei non ha la patente, io figlia vivo con loro e sono patentata ma non ho mai avuto un'assicurazione, ci sono altri 6 figli che non sono conviventi, l'assicurazione scade a giorni, volevo sapere se per quanto riguarda l'assicurazione, o mia madre o io possiamo intestarci l'assicurazione di mio padre prendendo la classe di merito di mio padre ( legge bersani)e per quanto riguarda la macchina fare una sola voltura a nome di mia madre dato che appunto lei era in comunione di beni con mio padre. E' urgente!Grazie per Risposta

    RispondiElimina
  73. Salve, sono una ragazza di 25 anni e mio padre è morto qualche giorno fa. Lui era intestatario dell'auto e della relativa assicurazione. Il problema che tra due settimane scade l'assicurazione. In famiglia siamo mia mamma (senza patente) e mio fratello con patente. Come posso fare per non perdere la classe di merito di mio padre? l'assicurazione può essere intestata a mia madre?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace non può far nulla.

      La saluto

      Elimina
  74. Salve, siamo ospiti da un amico in una casa di villeggiatura. Durante il nostro soggiorno e' venuto a mancare il padre del nostro amico, propietario della macchina che stiamo usando abitualmente, e intestatario della polizza d'assicurazione .Possiamocontinuare a circolare con questa macchina? Siamo coperti x la rca in caso di sinistro? Molte grazie

    RispondiElimina
  75. Ciao matrix io sono figlio unico con mia madre mio padre e venuto a mancare l auto devo coi testarla o posso in testarla anche solo a me?poi lui aveva la prima classe la posso ereditare in qst caso non avendone io una?grazie

    RispondiElimina
  76. Buongiorno,
    Le chiedo un consiglio: Mio padre è deceduto quasi tre anni fà io ho subito provveduto a informare l'assicurazione e a volturarla a mio nome, ma l'intestazione della macchina, che è molto vecchia e non ha valore, è rimasta a mio padre. Cosa rischio? L'assicurazione deve coprire comunque?
    Mille grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'auto è assicurata può stare tranquillo. Oggi esistono ancora compagnie assicurative (es. Genertel) che consentono di inserire come contraente una persona diversa dal proprietario del veicolo. Stia tranquillo.

      Saluti

      Elimina
  77. Salve matrix, se possibile desidererei ricevere qualche delucidazione. Premetto che sono figlio unico e che mio padre è spirato diversi anni fa. Attualmente convivo con mia madre e risulto ufficialmente nel MEDESIMO "Stato di Famiglia".
    NON dispongo di alcun "Attestato di rischio" a me intestato ma risulto cointestatario - unitamente alla mia genitrice - di una autovettura. Premetto inoltre che mia madre possiede anche un'altra autovettura, della quale risulta però unica proprietaria.
    Alla luce di quanto sopra specificato chiedo se, in caso di morte della mia genitrice, avrò la possibilità di accedere ai benefici di cui alla citata legge ? Più precisamente, avrò la possibilità di vedermi riconosciuta l'esistente classe di merito - assegnata a mia madre - anche se lo scrivente non risulta titolare di alcun "Attestato di Rischio" ?
    Cordiali saluti,
    Angelo M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla morte di sua madre non potrà ereditare la classe di merito. Siccom adesso risulta nello stesso nucleo familiare (stessa residenza!) può chiedere "adesso" che sua madre è ancora in vita di poter usuifruire della legge bersani, in modo da ottenere la stessa classe di merito di sua madre.

      Cordialità

      Elimina
  78. salve,vorrei delle informazioni,mia madre(proprietaria dell'auto) è deceduta 2 giorni fa(essendo anche orfano di padre,oltre ad essere unico figlio) devo fare la voltura,vorrei capire se come figlio posso ereditare anche la classe di appartenenza. grazie per l'eventuale risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non può ereditarla. Si rivolga al suo agente di fiducia in ogni caso. Essendo un esperto aggiornato (se lo è...) del settore la saprà consigliare al meglio!

      La saluto cordialmente

      Elimina
  79. salve io mi trovo in questa situazione mio padre aveva un auto e una polizza assicurativa 1° classe premesso che mia madre era gia deceduta ,,,,ora mio padre è deceduto anke lui ha fatto testamento e nello stesso ha messo anke le due auto sottoscrivendo che venivano ereditate da me ...ho quindi testamento più atto notarile ora con queste posso ereditare la classe di merito????? grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no. La classe di merito si riferisce al contraente assicurato e, quindi, al suo stile di guida e non all'auto in sè.

      Cordialità

      Elimina
  80. No mi spiace non può ereditarla. In ogni caso parli con il suo agente di fiducia, veda se può aiutarla in qualche modo.

    saluti

    RispondiElimina